Contratto di Locazione / Comodato d’uso

Contratto di Locazione / Comodato d’uso

89.00 IVA Inclusa

I nostri specialisti in contratti immobiliari redigono per te il miglior Contratto di Locazione e di Comodato per immobili ad uso residenziale non residenziale (uffici, negozi e capannoni), transitorio (fino a 1 anno) e per studenti. Il contratto ha lo scopo di regolare la durata della locazione, il canone da pagare e altri aspetti del rapporto tra locatore e inquilino.

Totale opzioni aggiuntive:
Totale dell'ordine:
Seleziona fileTrascina qui il file

Dati del Proprietario

Dati del Conduttore

Dati dell'Immobile

Descrizione

Il contratto

Quanti tipi di contratto esistono

Le leggi vigenti consentono di stipulare diverse tipologie di contratto in base alle necessità. Gli avvocati di pratichecasa.it creano per te il contratto più idoneo per tutelare i tuoi interessi e risparmiare sulle tasse, . Il contratto verrà pertanto creato su misura per esempio:

– affitto agevolato o canone concordato (tassazione al 10%)
– contratto per studenti universitari
– contratto transitorio (canone libero o concordato)
– uso commerciale
– comodato d’uso
– disdetta del contratto (se vuoi cessare il contratto)

Il contratto di locazione

Il contratto di locazione è l’accordo scritto che permette ad un proprietario di un’immobile o di una struttura di affittare ad un inquilino in piena regola. Esistono vari tipi di contratti: ad uso residenziale, transitorio (fino ad un anno), non residenziale (uffici, negozi e capannoni), per studenti. Il contratto ha lo scopo di regolare la durata dell’affitto, il canone da pagare ed altri vincoli tra locatore e inquilino.

Gli elementi fondamentali del contratto sono:

  1. Oggetto del contratto: la descrizione dettagliata dell’immobile e indicazione dei dati catastali (visibili nella visura catastale)
  2. Cedolare secca: l’opzione della cedolare secca consente una tassazione agevolata, deve però essere chiaramente specificata nel contratto
  3. Canone di Locazione: l’importo del canone da corrispondere mensilmente al proprietario deve essere indicato 
  4. Durata del Contratto: la durata del contratto varia secondo la tipologia scelta 
  5. Arredato: nel caso in cui l’immobile viene affittato con arredi inclusi, è preferibile predisporre una lista dei mobili presenti nell’abitazione
  6. Recesso: il proprietario può concedere al conduttore il diritto di sciogliere il contratto prima della sua naturale scadenza, con preavviso da stabilire
  7. Garanzia: il proprietario può chiedere al conduttore (o inquilino) di versare al momento della stipula un importo che resterà a garanzia di eventuali danni all’immobile
  8. APE: il proprietario deve consegnare all’inquilino copia dell’Attestato di Prestazione Energetica. L’indice di efficienza energetica deve essere specificato all’interno del contratto 

Puoi richiedere anche l’opzione Registrazione del Contratto di Locazione al costo di € 36,60 IVA compresa (oltre imposte di bollo e registrazione). 

La registrazione comporta il pagamento di imposte di bollo e di registrazione, che verranno documentati. Verrai contattato da un nostro operatore che ti indicherà la procedura da seguire.

Se hai qualche dubbio chiama lo 02 006 18 333 oppure contattaci 24/24

Il contratto di comodato d’uso

Cosa è il contratto di comodato

Il contratto di comodato d’uso è un accordo a titolo gratuito, quindi non prevede il pagamento di un canone mensile. Il comodatario, cioè colui che riceve in uso gratuito l’immobile sosterrà solamente le spese necessarie al godimento del bene (manutenzione ordinaria).

Registrazione del contratto di comodato d’uso

Per non incorrere in sanzioni, il contratto deve essere registrato entro 20 giorni dalla stipula depositando all’Agenzia delle Entrate due copie del contratto e la ricevuta delle imposte pagate.

Sono previste agevolazioni fiscali con il contratto di comodato?

È prevista una agevolazione TASI e IMU pari al 50% delle imposte sugli immobili concessi in comodato d’uso ad un parente stretto che utilizzi l’immobile come prima abitazione. Per accedere all’agevolazione è necessario che i contratto di comodato sia regolarmente registrato.

Come avviene la registrazione del contratto

Per la registrazione del contratto è necessario compilare un apposto modello in duplice copia nel quale vengono indicati i dati dei soggetti interessati (comodante e comodatario), quelli del soggetto che richiede la registrazione e i dati catastali dell’immobile, cioè quelli si trovano sulla visura catastale. È importante specificare il codice “tipologia atto” che identifica il tipo di richiesta: “nuova registrazione”, “proroga”, “cessazione” o “risoluzione anticipata”.

Quali sono le imposte per registrare un contratto di comodato

Imposta di registro fissa in 200,00 € (cod. tributo 109T) oltre l’imposta di bollo pari a 16,00 € ogni 4 facciate del contratto.

A chi spetta la registrazione del contratto di comodato

Per quanto riguarda il contratto di comodato, a differenza di quello per l’affitto, la legge non prevede che il pagamento sia ripartito al 50% tra proprietario (comodante) e conduttore (comodatario), ma ritiene entrambi i soggetti coobbligati. Significa che qualora non venisse effettuato il pagamento dell’imposta di registro, il fisco potrà rivalersi su entrambi i soggetti addebitando inoltre le sanzioni per il tardivo o mancato adempimento. Il consiglio è di attribuire le spese di registrazione a chi trae maggior vantaggio dal contratto che vi accingete a stipulare.

È possibile trasferire la residenza presso un immobile in comodato

È possibile richiedere il trasferimento di residenza presso una abitazione detenuta in comodato, presentando al comune il contratto regolarmente registrato.

Durata del contratto di comodato

La durata del contratto può essere prestabilita liberamente dalle parti poiché non vi sono limiti imposti dalla legge.

Metodi di pagamento PraticheCasa.it

Diversi i metodi per pagare ed acquistare sul nostro sito:
– VISA
– MASTERCARD
– AMERICAN EXPRESS
– PAYPAL
– MAESTRO
– BONIFICO

Call Now ButtonCHIAMA ORA!